Slow Travel Fest: alla scoperta della Lunigiana tra borghi, castelli e natura incontaminata

Cercate la pace!? Siete alla continua ricerca di una natura incontaminata lontana dalle città super affollate?!? Amate passeggiare tra borghi e castelli?!?

Cercate il vivere slow, poca connessione e un silenzio quasi assoluto?!? Se tutto questo non vi fa paura ma genera in voi una spinta vitale allora questa zona della Toscana è la vostra meta ideale (scoprire che una famosa attrice hollywoodiana avesse trascorso qui le sue ferie e festeggiato le nozze di uno dei suoi figli non mi ha stupito, mi ha confermato quanto appena detto).

La Lunigiana è una piccola regione della Toscana, ci abbiamo passato un intero weekend ma sono sincera ho già una lista infinita di borghi e castelli da visitare e sentieri da percorrere. Da qui passa anche la nota via Francigena. La nostra idea è tornarci a breve, della serie ci è piaciuta tantissimo!

Dobbiamo ringraziare i ragazzi dello Slow Travel Fest per averci fatto scoprire questa regione. Loro sono ragazzi toscani che amano la loro terra e oltre a farlo per lavoro sentono il bisogno di mostrare la Lunigiana al mondo, fidatevi di noi e di loro, quando tornerete verrete a dirci che avevamo ragione.

Durante il nostro soggiorno qui abbiamo partecipato alla prima delle 4 tappe dello Slow Travel Fest, quella dedicata alle famiglie. Le prossime tappe saranno:

  • Camaiore, il 6 – 7 – 8 settembre, per gli appassionati di arrampicata e alpinismo
  • Monteriggioni, il 27 – 28 – 29 settembre, dedicato agli amanti delle camminate nello scenario della via Francigena
  • Fucecchio, il 18 – 19 – 20 ottobre, per gli amanti delle bike e MTB.

Il centro di tutto il Festival è stato il borgo di Filetto a Villafranca in Lunigiana.

Alcuni cenni storici sul borgo di Filetto

Il borgo è ben conservato nel suo impianto medievale, facilmente raggiungibile dall’autostrada uscita Pontremoli. Filetto a differenza di tutti gli altri borghi della Lunigiana non sorge in altura, si trova anzi a pochi metri sul livello del mare, questo è dovuto al fatto che Filetto nell’alto Medioevo fece parte del ‘limes’, la linea difensiva bizantina composta da fortificazioni allineate con l’abitato di Sorano. Il piccolo borgo di Filetto si divide tra piazza di sotto, dove si trova la chiesa, e piazza di sopra, squadrata, totalmente in pietra e incantevole nel sapore di antico che conserva. Alle piazze sono collegate le strette vie interne di impianto medievale: i cosiddetti borghi voltati, caratteristica di molti dei borghi lunigianesi. Splendida la loggia a ponte che si affaccia sulla piazza della chiesa.

Fuori dalle mura si trova la selva di Filetto, famosa non solo perché in essa sono state ritrovate statue stele ma anche perché sembra che abbia ispirato Dante Alighieri per la selva oscura nella quale egli si perde all’inizio della Divina Commedia; a quei tempi la selva di Filetto era veramente intricata e il poeta l’avrebbe davvero visitata durante una sua visita ai Marchesi Malaspina. La tradizione del luogo narra che nella Selva di Filetto, in epoche passate, si svolgessero feste e incontri tribali, una leggenda rafforzata dal fatto che sulle statue-stele lunigianesi sono riprodotte figure antropomorfe alcune delle quali armate con pugnali e asce.La selva di Filetto, oggi è il teatro in cui si svolge gran parte dello Slow Travel Fest, e nel quale durante le stagioni calde si possono fare pic nic all’aperto sotto i castagni secolari.

Tutto questo sapere, lo dobbiamo alla nostra guida Mattia, che ci ha accompagnato in un tratto di via Francigena da Filetto fino al borgo di Virgoletta, raccontandoci la storia e le curiosità di questo borgo.

Virgoletta

Il borgo di Virgoletta è stata la tappa finale della nostra passeggiata lungo la via Francigena. Partendo dal borgo di Filetto, in poco più di due ore, con una camminata accessibile alle famiglie si arriva ad un altro splendido borgo lunigianese.

Virgoletta è situata a 183 metri sul livello del mare sul colle Vignale tra i torrenti Bagnone e Vigesola. Il piccolo colle è conformato ad onda e si sviluppa su più strati in senso verticale, con due cime: una su cui sorge il castello Malaspina e l’altra dove si trova la chiesa parrocchiale dei Santi Gervasio e Portasio. Ci siamo seduti sulle scale del Castello e avuto la fortuna di conoscere il proprietario di uno degli appartamenti ricavati al suo interno, ci ha raccontato la sua storia con aneddoti e leggende. Ai piedi del borgo c’è un curatissimo parco giochi per fare divertire i vostri piccoli.

Mulazzo

Mulazzo lo abbiamo conosciuto per aver soggiornato presso Coriana Apartments and Villa. Da quando siamo rientrati Edo ci chiede una casa proprio come questa, vi metto le foto per farvi capire il target di aspettativa di mio figlio.

Altri borghi che potete visitare durante il vostro soggiorno in Lunigiana sono Bagnone e Pontremoli, da non perdere anche gli stretti di Giaredo. Tutti luoghi che visiteremo nel nostro prossimo soggiorno qui.

Dove potete dormire

Oltre ai già citati Appartamenti Coriana vi consigliamo l’Agriturismo Montagna Verde. La dolcezza della famiglia Maffei vi catturerà. Barbara ci ha accompagnato alla scoperta dell’albergo diffuso, ci ha raccontato la storia della sua famiglia e la forza di volontà e l’impegno del padre nel creare questo piccolo paradiso terrestre. L’agriturismo si trova in località Apella di Licciana Nardi, a 660 metri d’altitudine e rientra nell’area riconosciuta da maggio 2015 Riserva MAB UNESCO.

Gli alloggi sono stati ricavati in parte nel corpo centrale della Torre del monastero risalente al 1000 d. C. e in parte nel ristrutturato borgo medievale di Apella a circa 800 metri di distanza. Gli appartamenti seguono criteri di edilizia sostenibile e sono tutti curati nei minimi particolari. Durante la visita abbiamo conosciuto gli animali del Bioparco: galline, fagiani, pavoni, asini, conigli, incontrato le mucche al pascolo e il gregge di pecore di rientro dalla giornata nei campi.

Abbiamo partecipato ad un laboratorio del miele, dove siamo diventati dei piccoli apicoltori e visitato gli essiccatoi delle castagne. A cornice di tutto ciò, il ristorante ‘La Torre’ vi offrirà un menù a km zero di altissima qualità.

Cosa state aspettando?!? Vi aspettiamo in Lunigiana!!

META 😊