A Roma con i bambini: 5 cose (atipiche) da fare in famiglia

Oggi a scrivere è Valentina, un’amica conosciuta su Instagram. Lei vive a Roma insieme alla sua famiglia e ha un bellissimo profilo Instagram (@rome4children) dove racconta quotidianamente le sue esperienze con i suoi figli nella capitale dando ottimi consigli su cosa fare in città nel weekend e gite fuori Roma. Le ho chiesto di scrivere un articolo da mamma che vive a Roma così da poterci dare consigli (atipici) su 5 cose da fare in città.

‘Roma offre tantissime cose da fare e da vedere, non si può certo lasciare la città senza aver visitato Piazza San Pietro e i Musei Vaticani, la Fontana di Trevi e la Barcaccia a Piazza di Spagna, Trinità dei Monti e Piazza Navona. Assolutamente no. Ma quando si viaggia con i bambini è giusto, a mio parere, scendere a compromessi e dedicarsi anche ad attività più vicine a loro. Oltretutto girare per Roma può essere davvero stancante, soprattutto se ci si concentra sulle attrazioni più turistiche.
Dedicarsi alle più note meraviglie della Città Eterna può essere davvero emozionante per chi visita la città per la prima volta, ma vi assicuro che Roma offre anche esperienze un po’ più atipiche e perfette per le famiglie viaggiatrici.

Ne ho selezionate cinque per voi:

1. Visita al Monte dei Cocci (con sosta in trattoria tipica di Testaccio)

Il Monte dei Cocci è uno dei posti più particolari che abbiamo visitato a Roma con i bambini. Si tratta di una collina artificiale alta quasi 50 metri formata dai resti delle anfore olearie che venivano utilizzate per il trasporto dell’olio. Queste anfore, che assorbivano olio e un forte odore di rancido, non potevano essere riutilizzate e perciò venivano distrutte e abbandonate in un terreno che, nel corso degli anni, stratificazione dopo stratificazione, è diventato un piccolo monte.
Purtroppo il Monte dei Cocci non è aperto tutti i giorni, ma è possibile visitarlo affidandosi ad associazioni culturali che ciclicamente organizzano visite guidate per le famiglie.

monte-cocci

Noi ci siamo affidati all’associazione “La Mage” (http://arteperbambini.com), ma potete consultare anche il calendario di “Cicero in Rome” (http://ciceroinrome.blogspot.com/) e di “Tempo di Eventi” (http://www.tempodieventi.com).
Il Monte dei Cocci si trova a Testaccio, quartiere di Roma che ospita diverse trattorie tipiche. Ve ne consiglio due in particolare: Flavio al Velavevodetto e Felice a Testaccio, entrambe propongono cucina tradizionale romana e servono un’ottima cacio e pepe. Se invece viaggiate con bambini molto piccoli vi segnalo, sempre a Testaccio, il Ketumbar, ristorante che il sabato e la domenica propone il bio brunch con animazione per bambini. Noi ci andavamo spesso qualche anno fa e riuscivamo anche a rilassarci (cosa molto difficile quando si esce a mangiare con pupi di due anni o poco più).

2. Foxtrail (o caccia al tesoro in giro per Roma) https://www.foxtrail.it

Questa è una novità di Roma che abbiamo testato qualche settimana fa. Foxtrail è una sorta di gioco che permette di scoprire angoli nascosti della città, un po’ caccia al tesoro, un po’ escape game all’aperto. Non è prettamente per famiglie, ma se i vostri figli non sono piccolissimi si divertiranno con voi a scoprire indizi per Trastevere o Villa Borghese, le due zone di Roma in cui è attivo il gioco. La cosa comoda è che si può giocare in qualsiasi giorno dell’anno scegliendo l’orario più comodo per voi (dalle 9.00 fino al tramonto). Se invece vi piace l’idea di partecipare ad una vera e propria caccia al tesoro con altre famiglie con bambini potete, anche in questo caso, affidarvi a diverse associazioni romane che le organizzano spesso, come l’associazione “Chissà dove” (http://www.chissadove.it) o “Fragrance Tour” (https://www.fragrancetour.com).

FOXTRAIL

3. Villa Ada in bici

A Roma ci sono moltissimi parchi, molti dei quali poco conosciuti dai turisti.
Purtroppo devo ammettere che avrebbero bisogno di molta manutenzione in più, ma questa è un’altra storia. Vi voglio parlare di Villa Ada, parco molto frequentato dai romani di zona Trieste/Parioli. A Villa Ada ci sono le tartarughe nei laghetti, c’è una bella area giochi e giostre a gettoni, ma quello che vi consiglio è di affittare le biciclette e di inoltrarvi nella parte più selvaggia del parco. Non vi sembrerà di essere a Roma. Le bici le potete affittare all’ingresso di Via di Ponte Salario. Hanno a disposizione, per i bambini, biciclette piccole e medie.

VILLA-ADA

4. Il cinema più piccolo del mondo

Per una pausa come si deve che ne dite di portate i vostri piccoli al cinema? Non parlo di un cinema qualsiasi, ma del cinema più piccolo del mondo: il Cinema dei Piccoli a Villa Borghese. E’ qui che ho portato mio figlio a guardare il suo primo film di animazione. Rispetto alle grandi sale l’audio è più basso e l’ambiente più riservato e tranquillo (i posti a sedere sono solo 63). Prima o dopo lo spettacolo potete fare tantissime cose a Villa Borghese: il giro del laghetto in barca; leggere un libro o partecipare ad un laboratorio alla ludoteca “La Casina di Raffaello”; prendere il trenino o fare un giro in pony.

5. Explora, il Museo dei Bambini di Roma

Consigliare Explora mi sembra sempre un po’ scontato, ma spesso mi rendo conto che è ancora troppo poco conosciuto tra i turisti. Explora è il museo preferito dei miei figli: è interattivo, colorato e super divertente. C’è una piccola area per bambini molto piccoli, l’area centrale adatta a bambini dai 2/3 anni in su e il primo piano pensato per i più grandicelli. Vi segnalo che l’area giochi esterna di Explora è gratuita. (https://www.mdbr.it/)’

Se volete altri super consigli su Roma e d’intorni da chi Roma la vive quotidianamente vi consiglio di andare a scuriosare sulla pagina @rome4children di Instagram troverete Valentina e la sua famiglia ad aspettarvi.

Buona Capitale amici di META!

Potrebbero interessarti anche questo articolo Roma con bambini: itinerario di 3 giorni e questo Roma con bambini: un weekend sotto la pioggia.